Editoriale L'Idea N.67
Make your own free website on Tripod.com

EDITORIALE L'Idea N.67.


Un grande, immenso, affettuoso GRAZIE che dice tutto della mia soddisfazione nei vostri confronti. Le mie previsioni, le mie speranze, la mia cocciutaggine nel credere nel risveglio della nostra comunità, mi ha dato ragione. Tutti insieme, indipendentemente da chi si è recato alle urne o chi invece era impossibilitato a farlo, anche perché non cittadino italiano, abbiamo dimostrato quella compattezza e unità che non si notava da tempo; unico neo in questo gioioso ritorno all’unità comunitaria è stato quello di non aver ricevuto l’appoggio delle Associazioni della zona. Comunque la prima tappa è finita ed è terminata con una splendida vittoria per la comunitaà pugliese.

La nostra elezione nel COMITES degli stati di New York e Connecticut, con me sono stati eletti anche altre due persone che da tempo collaborano con questo giornale e con le attività pugliesi in genere, la Dott.sa Silvana Mangione, articolista dell’Idea e Tiziano Thomas Dossena, Direttore Editoriale dell’Idea, ha dato alla nostra regione una rappresentanza che mancava.

Una campagna elettorale non è cosa facile in cui cimentarsi, è necessario avere le idee ben chiare di quello che si vuole raggiungere ed è necessario individuare il traguardo finale e con esso tutti gli ostacoli che man mano che la meta s’avvicina, ti demoralizzano. Bisogna quindi essere preparati a superarli senza drammatizzare piu' di tanto. La mia è stata una campagna elettorale dura, ma ben condotta da un gruppo preparato di persone che hanno dedicato il loro tempo libero, le loro energie e soprattutto la loro esperienza alla mia elezione: Vito Marangelli, Maria Scalise, Antonio Raimondi, Maria Campanile, Vito Pietanza, Ida Saraniero, Sebastiano Colella, Gaetano Pini, Gianni Russo, Isabella Saraniero, Gianvito Bottalico, Giuseppe L’Abbate, Dorotea Cristino. Un GRAZIE di cuore a loro.

La mia scelta di impostare la campagna elettorale spiegando agli elettori i programmi e i cambiamenti necessari al miglioramento delle condizioni di vita della comunità, e non l’attacco contro gli altri candidati, come invece è stato fatto nei miei confronti, ha fatto pendere la bilancia dalla mia parte. Oggi noi emigranti siamo emancipati, abbiamo acquisito una certa istruzione e quindi non cadiamo piu nelle burle di chi cerca di convincerci di cose campate in aria.
Posso affermare che ho ricevuto un consenso generale, un po’ dovunque, e che non soltanto i pugliesi hanno dato la preferenza a me, ma tanti italiani originari di altre regioni d’Italia hanno fatto sentire il loro peso facendo una giusta scelta.
Io ero associato ad una lista, “ITALIANI PER IL FUTURO”, dalla quale ben nove candidati sono stati eletti, e due di essi, proprio i nostri Mangione e Dossena hanno ricevuto immediatamente importanti responsabilità in seno al COMITES (Mangione è stata nominata Presidente e Dossena Segretario di questo comitato).
Da queste colonne vorrei inviare un augurio di buon lavoro e un ringraziamento per il loro prezioso aiuto a tutti i miei colleghi del COMITES.

Per voi, lettori dell’Idea, oltre a rinnovarvi il mio più sincero ringraziamento, voglio ricordarvi che sono sempre a vostra disposizione, quindi non esitate a mettervi in contatto con me.